Super Eco-Viikki

Nuovo quartiere ad Helsinki progettato a tutela della salute di tutti.

vikkiEco-Viikki-Finlandia-Helsinki

Si chiama Eco-Viikki .

Ha una gestazione di soli 5 anni, dal 1999 al 2004, e i criteri di base hanno come matrice 5 obiettivi principali:

– riduzione delle cause inquinanti,

– utilizzo di materiali derivanti dalle risorse naturali offerte dal sito e ottimizzazione degli spazi,

-salubrità,

-biodiversità,

-attenzione negli impianti.


eco-livingsweeden VIIKKI_3_popup VIIKKI_4_popup

Gli edifici sono stati orientati in modo da sfruttare al meglio la luce del sole e non ombreggiarsi a vicenda. La vegetazione è distribuita in modo da ridurre l’esposizione ai venti prevalenti a cui contribuisce l’altezza dell’edificato inferiore a queste stesse barriere naturali.

I marchi utilizzati durante la costruzione sono di qualità ecologica certificata, vi è un’attenzione particolare nella scelta della sistemazione del verde pubblico,raccolta dell’acqua piovana e il tentativo di autosostenersi a livello energetico non rinunciando comunque a scelte di lusso finlandesi, quali la famosissima sauna.

L’uso di elementi prefabbricati ha permesso finiture di qualità con elevate prestazioni ed ha ottimizzato l’uso dei materiali riducendo al minimo gli scarti in cantiere.

La stessa città, come cliente, ha controllato  che durante il processo di costruzione tutto coincidesse perfettamente con il Programma Nazionale Ecologico di Edilizia sostenibile, definito nel 1998.

Su iniziativa della Città di Helsinki, Eco –Viikki, a soli 8 km dal centro della città finlandese, accoglie 2000 abitanti e vari servizi.

viikki1


Finanziato con 4 milioni di € dal Ministero dell’Ambiente e dalla National Technology Agency (TEKES), grazie a un esperimento speciale riguardante progetti pilota che hanno come obiettivo il basso consumo energetico e il minimo impatto ambientale– Thermie, UE progetto PV-  il Viikki ha potuto beneficiare di questa sovvenzione come “banco di prova”.

Si suppone  che le saune piacciano a tutti…meglio se all’interno di forme “architettoniche ecosostenibili“.

COPIAMOLi!!!

Così che possa nascere anche da noi un quartiere E-co-housing-(IN)dipendente!!!