Social bond: lanciati in UK, testati dall’Hub Toronto

Ne abbiamo parlalto più volte: strumenti finanziari per l’innovazione sociale (uno degli ultimi post qui).
Come spesso accade, è dall’estero che apprendiamo buone pratiche in tal senso, eppure di creatività e competenze ne avremmo da vendere.

Stimolato dal post di Alberto Masetti-Zannini di The Hub Milano, ho trovato d’interesse l’esperienza (che seguo da un pò ma che si è concretizzata di recente) del  progetto pilota per l’emissione di bond sociali in UK:

“Social bonds have been developed by social investment advocates Social Finance to act as a guarantee by the government to invest in programmes that could help lower the tax cost of social problems. The innovation risk is underwritten by private social investors who will only receive a return on their investment if the interventions work.”

In Canada, invece, i bond sociali sono già una realtà. Gli amici del Centre for Social Innovation -The Hub Toronto, appurato che lo spazio originale non era più sufficiente, hanno identificato un edificio adiacente al loro e hanno deciso di comprarlo. Ma invece di andare da una banca, si sono rivolti agli Hubber e amici di CSI, mettendo sul mercato bond sociali per un minimo valore di $10.000 e con un rendimento annuo del 4%.
Un piccolo investimento a favore di progettualità ed imprese che miglioreranno il proprio territorio (e facili da monitorare e “toccare con mano”).

Il momento non è mai stato così propizio per legare innovazione sociale e finanza.
Innovatori sociali e investitori di Milano, Roma, del Trentino: cosa aspettate a farvi avanti? The Hub vuole sentire le vostre idee!

[Dario Carrera]

[via The Hub Milano]