– Gli hubber

“Gli hubber sono i contaminatori dell’innovazione sociale”

L’innovazione sociale è guidata da un’intelligenza collettiva.

In tutte le società sono presenti gli innovatori sociali. Migliaia di individui con le competenze e le idee giuste per generare il cambiamento, replicare e ripensare modelli di impresa sostenibili, competitivi, attraenti per gli investitori e le nuove generazioni.

Gli hubber sono i generatori del cambiamento alla ricerca di spazi accessibili economicamente, funzionali e rispettosi dell’ambiente, stimolanti. All’interno di questi spazi è possibile far scattare la prima scintilla imprenditoriale, avere meeting e momenti di relax, partecipare ad eventi che sollecitano le spinte creative. Sono persone motivate e forti motivatori. Si lasciano coinvolgere dalla fiducia che hanno in sé stessi per creare, co-creare e migliorare la società attuale.

Sono i contaminatori di innovazione sociale che con le loro idee, visioni, forza e competenza stanno dando vita ad un nuovo agire, ad un ritrovato e curioso ricercare, a nuove codifiche. Sono i “costruttori” dell’Hub.

Attraverso eventi di co-creazione ne dettano i principi, l’imprinting imprenditoriale e ne disegnano lo spazio fisico. La partecipazione da parte degli hubber è la vera forza di The Hub. E’ l’aria che respira.

Geoff Mulgan, autore del bellissimo “Social innovation: what it is, why it matters and how it can be accelerated”, associa i connettori di innovazione sociale alle api.
Creature contaminatrici da un albero all’altro di idee, soluzioni, prodotti e processi innovativi che stanno cambiando – in meglio – il nostro quotidiano, le nostre relazioni, il nostro sentire un futuro coerente con i principi che manifestiamo.

The Hub è la riproposizione di una società all’interno di uno spazio vissuto dagli
hubber.

1 commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] E come noi le centinaia di persone che abbiamo coinvolto nel percorso di costruzione di The Hub: gli hubber. Le api del cambiamento, quelle che permettono, nonostante la “mano pesante”, a questa città e […]