Connettendo: The Valentine Peace Project

handsflower_layers

VPP_logo_white

Valentine Peace Project è un’iniziativa volta a ripensare il giorno di San Valentino. Il 14 febbraio poesie scritte sul tema dell’amore e della pace verranno messe intorno ad un fiore di ogni tipo (da voi scelto) in molte città del mondo. Un fiore con una poesia verrà offerto da giovani studenti e scambiato tra professionisti, adolescenti ed adulti, turisti, passanti, hubber…

È un’iniziativa ideata da Federico Hewson, membro dell’Hub di Amsterdam, che è venuto a trovarci qualche tempo fa a Roma, nella nostra prima base operativa, ad Icea. Partito come progetto di arte relazionale, via via si è esteso abbracciando il tema della cooperazione, della sostenibilità e dell’educazione.

federico

Accanto all’iniziativa di dono e scambio, Federico ha in cantiere progetti con scuole (medie inferiori e superiori), dove poter avviare “percorsi di pace” e condividere la realizzazione di cartoline e biglietti di pace per il giorno di San Valentino. Affianco all’amore, Federico propone la pace.

Giulio Mazzarini, fotografo romano, di Londra, membro dell’Hub di Islington e nostro sostenitore, ci ha raggiunto per qualche minuto, condividendo con noi il progetto e possibili collaborazioni. Bella la sua frase: “Saint Valentine for love, not only for lovers!”

Oggi Federico ha distribuito oltre 3.000 fiori ed altrettante poesie ad Amsterdam, provenienti da Gaza e certificati Fair Trade. Eccovi una delle poesie, inviata da Courtney della Marlborough School di Los Angeles.

Love.
What a charged word.
What a personal word.
What other word could evoke such
strong feelings and memories than love?
I have felt pain, sadness, joy, tears,
laughter,
It has meant many things to me.
And as I look around, I see there is something
special about it.
About love.
Because whenever I have tried,
I have always been able to find it.
In Myself.
In a Book that inspires me.
In Family.
In my Dad’s cooking.
In Friends.
In the eyes of a stranger.

In a soup kitchen.
In an airport.

The key is to never stop looking.